STRALCIO PLANIMETRIA AEROFOTOGRAMMETRICA.pdf
STRALCIO PLANIMETRIA I.G.M..pdf
CARTINA C.pdf
CARTINA D.pdf
CARTINA FOGLIO 67 10 MAGGIO 2010 ING. GIANLUCA GAGLIARDI.pdf
PLANIMETRIA CATASTALE FOGLIO 0670 PARTICELLA 216.pdf
CARTINA A.pdf
CARTINA B.pdf
CARTINA ATTO D'ACQUISTO 1977 PAPETTI-FILESI.pdf

STUDIO DELLE CARTINE SOPRA RIPORTATE.


Grossolanamente emerge che nella Cartina Aerofotogrammetrica ci sono più costruzioni che su quella Catastale e la zona Sant’Antonietto è molto, ma molto più estesa che nelle altre. Brandimarti/Felli/Rosa Agostini, risultano cerchiati.



Così pure risulta grandissima la zona di Sant’Antonietto, sulla Carta Ufficiale dello Stato STRALCIO PLANIMETRIA I.G.M. (vegetazione, pozzi, acquedotti…), Brandimarti/Felli/Rosa Agostini risultano cerchiati.



In una Cartina simile a quella Aerofotogrammetrica (la chiamerò Cartina C) ci sono disegnate strade a me sconosciute ed anche quella che percorro sempre a piedi, si congiunge ad una strada che giunge a Caprignano da una parte. Dall’altra invece, si congiunge a quella strada che Mario Agostini ha omesso di possedere nel Ricorso ex art. 1168 C.C. art. 703 C.P.C., per far pignorare la mia autovettura volutamente.



In una Cartina Catastale colorata (la chiamerò Cartina D), gran parte del territorio, ed è colorato in blu, appartiene a Mario Agostini. In mezzo vi è un territorio non colorato e suppongo sia di Serafini. La piccola parte gialla è di Papetti/Filesi, la strada è assente, e quella poco più grande e in arancio di Sante Agostini.



Invece nella Cartina foglio 67 dimensione cornice: 776.000 x 552.000 metri Prot. N. 524526/2010 del 10 Maggio 2010 (Dr. Ing. Gianluca Gagliardi), risulta una vasta proprietà di Mario Agostini colorata in giallo, però a differenza di quella sopra in blu, questa colora in giallo anche la proprietà di Serafini, inglobandola come proprietà di Mario Agostini.

La proprietà di Papetti/Filesi piccola è in arancio sbiadito, la strada qui esiste ed ha tre colori: arancio, giallo e verde (indica i tre proprietari).

La parte poco più grande in verde è di Sante Agostini.



Nella Cartina Planimetria Catastale Foglio 0670 Particella 216, Scala 1:1000 Tecnico Redattore 193 è evidenziata in giallo la proprietà Filesi. Ovviamente non sono evidenziate in giallo le particelle 248 e 249 che facevano parte della 216.

Qui la strada è colorata di un unico colore: arancio molto sbiadito che sembra giallo. Fa supporre proprietà tutta di Filesi.

Paragonando questa cartina con la penultima, il giallo usato per la proprietà di Mario Agostini è uguale a quella usata per Filesi. E l’arancio usato per Filesi è uguale all’arancio usato per la strada.



In una cartina che riporta le particelle uguali a quelle del 1974, (la chiamerò Cartina A) la proprietà di Passamonti è disegnata diversamente da altre cartine.

Manca delle particelle: 260, 159, 217, 248, 249, 216, 214, 258, 197, 201.

È visibilissima una strada che parte dalla Nuova Strada Comunale ed arriva fino all’abitazione di Luisa, riconosco perfettamente essere quella che Sante e Mario hanno distrutto e che io percorro a piedi.

Parte della particella 70 è diversa e non include la costruzione di Mario Agostini.



In un’altra cartina simile ma più nuova di quella indicata sopra, (la chiamerò Cartina B), la proprietà di Passamonti è disegnata in altro modo ancora.

La particella 192 è molto più piccola.

Nella particella 70 è inclusa la costruzione di Mario Agostini ed è disegnato il pollaio di Sante Agostini.

Risulta solo un piccolissimo tratto di quella strada sopra descritta, è tratteggiata solamente e parte dalla 65 sino alla 224. 

Vi sono presenti le particelle: 260, 159, 217, 248, 249, 216, 214, 258, 197, 201.



Ho paragonato la cartina A con la cartina dell’atto d’acquisto di Papetti/Filesi.

Nella Cartina A (1974) sono presenti le particelle: 70a, b, c, 79, 61, 193a.

Nello stesso disegno dell’atto di acquisto Papetti/Filesi, (1977) la particella 70a non c’è più.

La lettera c, è divenuta 198a e 215.

La particella 79 non è numerata.

La lettera b, è divenuta 197a, 216, 217.

La 193a è divisa con la 214.

La particella 61 è rimasta uguale.

Qui vi è di nuovo traccia della strada.